fbpx
Cambio casa, devo anche cambiare cucina? 

Cambio casa, devo anche cambiare cucina? 

Nel trasloco di una casa un punto di fondamentale interesse è il trasloco della cucina. Come affrontarlo? È da modificare? L’azienda di traslochi può aiutarmi?

Mi conviene comprarla nuova?

È diffuso il pensiero che, quando giunge il momento di cambiare casa, la cucina debba essere lasciata nella vecchia abitazione, perché il  suo trasloco è troppo costoso.

In realtà, molto spesso, non è così. Ci sono situazioni in cui il trasloco della cucina è più conveniente della sostituzione.

Uno degli aspetti fondamentali da non trascurare però è quello di affidarsi alla ditta giusta. Il suo trasloco, con relativo adattamento, è infatti un’operazione che richiede molta precisione ed esperienza e non può essere affrontata da montatori improvvisati e traslocatori che non sono in grado di usare determinati accorgimenti, soprattutto quando sono necessarie delle modifiche alla sua struttura.

Bisogna infatti fare attenzione agli errori non visibili che si vedranno a distanza di tempo, quali montaggi effettuati fuori livello ad esempio, che potrebbero comportare delle pesanti ripercussioni sui meccanismi, infiltrazioni in cucina ed eventuale rigonfiamento nelle ante o nelle mensole.

Per capire se  ha davvero senso traslocare la tua cucina, ci sono però alcuni aspetti da prendere in considerazione per capire se ne vale la pena.
Vediamone alcuni:

Aspetti strutturali

Va da se che il primo elemento da considerare è la natura stessa del nuovo ambiente in cui verrà posizionata la cucina. Lo spazio è adeguato? Le caratteristiche strutturali sono uguali all’ambiente precedente? Si deve passare da una cucina lineare ad una angolare? E sopratutto: gli attacchi per l‘acqua e il gas della nuova casa sono corrispondenti con quelli della vecchia abitazione?

La risposta a questo primo punto determina in buona parte la scelta perché, riadattare una cucina modificando gli attacchi o la sua struttura (da lineare ad angolare o viceversa), comporta naturalmente dei costi più alti. 

Condizioni dei mobiletti

Una volta appurato che la tua cucina starà bene nella nuova abitazione, prenditi dieci minuti per verificare in che stato di usura si trova.

Inizia dando uno sguardo generale degli armadietti, dei pensili, del piano di lavoro.

Se non vedi danni o segni di usura evidenti è un buon motivo per tenere ancora la tua cucina.

Adesso verifica che tutti i meccanismi di apertura delle ante (sportelli) e dei cassetti siano funzionanti.

In questo caso, se ci fosse qualche cerniera o guida un po’ malandata non preoccuparti: spesso possono essere sostituiti con pochi euro di spesa.

Lo stato degli elettrodomestici

Naturalmente devi verificare in che condizioni si trovano gli attuali elettrodomestici. Nel caso sfortunato in cui qualcuno di questi non fosse più funzionante non disperare: spesso è possibile trovare un nuovo elettrodomestico online a prezzi competitivi.

E’ evidente che a fronte di poche centinaia di euro di spesa il trasloco della cucina convenga davvero. L’unico segreto è affidarsi alla ditta di traslochi che abbia esperienza e la manodopera adeguata. Non si tratta infatti di una semplice movimentazione di arredi ma di una installazione vera e propria che richiede precisione e conoscenza.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked